ORPHEE HYMNES-inni orfici


XXV.

PARFUM DE LA TERRE.

Toutes semences excepté les Fèves et les Aromates.

O Terre, grande déesse, mère des dieux et des hommes, déesse puissante, large, fertile en toutes choses, toujours jeune, toujours chargée de beaux produits ; vierge habile, fondement du monde éternel ; toi qui enfantes tous les fruits différents, déesse auguste, éternelle, bienheureuse, fière d’être ornée des herbes du gazon, avide de pluie ; déesse autour de laquelle flottent les espaces semés d’astres et le ciel éternel, mère déesse, augmente les productions verdoyantes de la terre et soir-nous propice avec les saisons favorables.

XXVI.

PARFUM DE LA MÈRE DES DIEUX.

Plusieurs espèces de parfums.

Mère très-auguste de tous les dieux, viens à nous, grande déesse, accours aux sacrifices que nous t’offrons, attèle à ton char les lions terribles qui tuent les taureaux. Reine éternelle de l’univers, célèbre et justement honorée, toi qui te tiens au centre du monde, parce que, bonne déesse, tu commandes à toute la terre et tu nourris les hommes de ton lait divin ; c’est de toi que les dieux et les mortels tirent leur origine, c’est par toi que coule l’élément liquide et la mer elle-même ; on t’appelle Vesta, on te nomme aussi la dispensatrice généreuse des biens, parce que tu accordes aux hommes tes nombreux bienfaits. Viens à nous, ô déesse qu’on vénère en frappant sur les tambours sacrés, déesse victorieuse, protectrice des Phrygiens, grande épouse de Saturne, habitante du ciel, toi qui nourris les hommes, viens assister au culte sacré que nous t’adressons.

TRADUITES PAR M. ERNEST FALCONNET

Inno orfico a Ecate
Ecate protettrice delle strade celebro, trivia, amabile,
celeste e terrestre e marina, dal manto color croco,
sepolcrale, baccheggiante, con le anime dei morti,
figlia di Perse, amante della solitudine, superba dei cervi,
notturna, protettrice dei cani, regina invincibile,
annunciata dal ruggito delle belve, senza cintura, d’aspetto imbattibile,
domatrice di tori, signora che custodisce tutto il cosmo,
guida, ninfa, nutrice dei giovani, frequentatrice dei monti, supplicando la fanciulla di assistere alle pie celebrazioni
benevola verso il bovaro sempre con animo gioioso.

ed. Lorenzo Valla trad. Gabriella Ricciardelli

 

Hekate Kleidoukoz

Onnipresente Ecate

Colei che custodisce le chiavi e controlla i passaggi, i varchi, le soglie

Proteggimi in questo momenti di cambiamento

in questo periodo in cui nulla è definito e giace sotto la tua protezione

Tu che custodisci i sentieri, i crocevia e i viandanti

aiuta questo tuo figlio vagabondo nella vita a trovare a più presto la sua strada

Confido nei tuoi molti sguardi e nelle tue carezze illuminanti

Illumina, dunque, il mio cammino con le tue torce di sapienza

Sii per me, oh benigna, guida come lo fosti e lo sei tuttora per la figlia di tua sorella Demetra

e indirizza la mia volontà, consigliala per la giusta strada

perché solo tu,protettrice dei crocicchi, conosci il sentiero migliore per me

Usa le tue molte chiavi al cancello della vita, rischiara le mie tenebre

e custodiscimi in questo viaggio

Dolce signora della notte

sicuro che accoglierai la mia preghiera

chino il capo per avere la tua benedizione.

 

Hekate Brimo

Dea della giustizia

A te ,Ecate, che mi sei madre, rifugio, compagna compassionevole,

dedico le mie azioni, testimonianza dei miei giorni terreni.

Tu, che me li hai concessi, li custodirai e li proteggerai

e guarderei con benevolenza al loro autore, tuo figlio.

Perché, come tu mi hai donato giorni da riempire e

io li ho fatti miei contrassegnandoli con le mie azioni,

così dedico a te le mie ore in modo da offrirtele per intero e senza falsità.

Tu devi giudicare tutte le opere della mia mano e la virtù del mio cuore:

i fatti esteriori e l’essere interiore.

Li sottometto al tuo giudizio e ti prego di essere misericordiosa,

salvando le mie imprese, e il loro stesso ricordo, dalla distruzione per mano dei miei nemici.

Custodisci i battiti del mio cuore e concedi loro rifugio, ti supplico.

(variazione dell’inno di Margaret George)

 

HEKATE E KORE

Passi ansiosi risuonano / nel tenebroso / profondo / cupo / Averno,

parlano di gioia / di sole / di vita che sboccia.

Passi danzanti e lievi.

Li accompagnano / passi cadenzati / lenti e decisi

saggi ed eterni come il tempo.

E luce di torcia / ad illuminare l’oscurità.

Anziana e fanciulla / fianco a fianco,

dissimili volti di medesima essenza.

Kore / volto radioso / spensierato / ansante.  

Hekate

labbra piegate in armonioso ed amorevole sorriso.

Vicina è la luce, / vicina l’apertura.

Le mani si sfiorano,

e gli occhi della giovane / per un istante

si illuminano di incertezza / e di nostalgia.

Ma i volti, / specchiandosi / l’uno nell’altro,

parlano di agresti piaceri / ed anche / di ritorno nelle profondità.

Di cicli in continuo rinnovamento.

E la giovane esce alla luce / con passo danzante,

la terra risuona / vibra d’estasi / al suo passaggio.

Nell’Averno la torcia si spegne

poiché Hekate / non ha bisogno di guide

nell’oscurità che domina,

ed i passi dell’eternità risuonano

nel tenebroso / profondo / cupo / Averno

 

 

HEKATE IN WINTER

 

Sacra Hekate

Oscura luce dei tre mondi

Signora delle chiavi

Guardiana degli inferi e dell’umana psiche

Tu che conduci Persefone

Nei meandri del mondo sotterraneo

Illumina con la tua falce lunare

Il mio cammino nel tuo invernale regno.

L’oscurità non ha segreti per te

Che, fiera,

reggi la lucente torcia.

Guidami per i mistici sentieri

Ed aiutami, superando il buio,

a trovare la luce.

 

 

HEKATE TITANIDE

Creata da titanide stirpe / e sopra tutti onorata

tu nell’averno risplendi / come luna in cupo cielo.

Con la fiaccola innalzata  / tra le pallide mani

illumini il cammino.

E come guida / scorti benevolmente

verso la conoscenza / di tutto ciò

che dalle ombre è gelosamente custodito.

I tuoi passi risuonano

come accompagnati da lieve musica

poiché da sandali bronzei essi sono rivestiti.

Ed a questa musica tutto si desta.

Trema lieve l’infero suolo / percorso  da fremiti sussurrati.

L’argento brilla nei tuoi occhi. / Antiche perle lucenti.

Poichè tu sei la casta / e la meretrice.

La ninfa / e la vegliarda.

in te stessa completa

e potente più di ogni altra.

(versi di Lady Persefone)

About sooteris kyritsis

Job title: (f)PHELLOW OF SOPHIA Profession: RESEARCHER Company: ANTHROOPISMOS Favorite quote: "ITS TIME FOR KOSMOPOLITANS(=HELLINES) TO FLY IN SPACE." Interested in: Activity Partners, Friends Fashion: Classic Humor: Friendly Places lived: EN THE HIGHLANDS OF KOSMOS THROUGH THE DARKNESS OF AMENTHE
This entry was posted in religious themes. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.